"…por eso he soñado con una obra que no se encajase en ninguna categoria, que en lugar de pertenecer a un género, los contuviese todos; una obra dificil de definir y que habría de definirse justamente por esa carencia de definición; una obra de la tierra en el cielo y del cielo en la tierra; una obra que fuese el punto de reunion de todos los vocablos diseminados en el espacio cuya soledad y desconcierto no podemos ni imaginar; el lugar, más allá del lugar, de una obsesión por Dios, deseo no colmado de un insensato deseo; un libro, por último, que sólo se entregase por fragmentos, cada uno de los cuales fuese el inicio de un libro."

Tratto da El libro de las preguntas – volumen II di Edmond Jabès, ediciones Siruela, El antelibro III, pagina 261. Trovai questo libro in casa di Didac e lo aprii a caso.

Gli ultimi commenti ...

martedì, agosto 5

Piano Sequenza: Elettrojoyce - Balena

Il testo di questo pezzo mi entra dentro senza pietà ...
una promessa da marinaio ...
un libro inconcluso ...
la tolleranza ...
il mito ...

O<-<



So bene come sembri stupido il mio tempo
A chi come te misura le cose a sorrisi
Non sono il saltimbanco
Non so ingoiare spade
Ho tanti libri appena aperti Da finire se vuoi
Da finire se vuoi

Portami con te
Fuori dal ventre di balena
Un mobile svizzero
Un foglio e una penna

Sono in vena di partire davvero
Sono in vena di partire davvero
Di partire davvero

So bene come sembri stupido il mio tempo
So bene come sembri stupido il mio tempo
So bene come sembri stupido il mio tempo
So bene come sembri stupido il mio tempo

2 commenti:

MusEum ha detto...

Mi piace da morire questo pezzo...

daniela ha detto...

E' meravigliosa questa canzone.

Il fratello di Filippo Gatti era in classe con me al liceo, e per questo ho avuto modo di veder spesso gli Elettrojoyce... è un vero peccato che si siano divisi, anche se lui come solista mi piace comunque. :-)

Archivio blog