"…por eso he soñado con una obra que no se encajase en ninguna categoria, que en lugar de pertenecer a un género, los contuviese todos; una obra dificil de definir y que habría de definirse justamente por esa carencia de definición; una obra de la tierra en el cielo y del cielo en la tierra; una obra que fuese el punto de reunion de todos los vocablos diseminados en el espacio cuya soledad y desconcierto no podemos ni imaginar; el lugar, más allá del lugar, de una obsesión por Dios, deseo no colmado de un insensato deseo; un libro, por último, que sólo se entregase por fragmentos, cada uno de los cuales fuese el inicio de un libro."

Tratto da El libro de las preguntas – volumen II di Edmond Jabès, ediciones Siruela, El antelibro III, pagina 261. Trovai questo libro in casa di Didac e lo aprii a caso.

Gli ultimi commenti ...

martedì, novembre 4

La fortuna di conoscere Moreno



Questa è la mia fortuna. E' la fortuna che ha uno nella mia situazione di conoscere Moreno, il buttafuori in seconda all'Hard Rock Cafè di Barcellona.

La mia situazione è quella di essere capace di tagliare la verità come burro nello spirito, ma con la fragilità di una goccia di rugiada pendente dalla bocca di un fiore carnoso era ridotta la mia anima.

Rivedendolo lì, senza sapere di attendermi, alle porte dell'inferno americano, ho pensato: "Alla fine Moreno è uno della vecchia scuola. Magari i documenti per venire in Europa li ha ottenuti facendo il divo del porno in Brasile".

Ehh! Se le sue rughe narrassero la sua storia, lui non avrebbe bisogno di parlare neanche per ordinare un caffè. E' robusto, tutto marrone, uno sguardo indio e la foresta per chioma.

Ricordo ancora quando lo assunsero. Moreno dovette smettere di mimetizzarsi con la colonna e salire su di una sedia, instaurando un teatrino di fronte al semicerchio del personale del turno di mattina: il pre-shift.

Odierò per tutta la vita il suono di quella pa-rola, è come un fischio di donna, la lingua del diavolo nelle orecchie.

Sonia gli intimò di presentarsi dopo averlo pre-ceduto. Erano le 11:45 am. Arantxa gli ha chiesto lo stato civile. Lui sorrise bofonchiando "soltero" con forte accento portoghese-brasiliano.

Quando il ristorante mi venne incontro io mossi i piedi verso di lui. Ci salutammo alla maschiona, e dopo una piccola confidenza sul perchè della mia angoscia sorridente, la stessa di un Jack Nicholson danzante sotto la luna, fresco di rossetto, lui eruppe col suo segreto:

M. "Ho amato una volta sola!"

AaHaB. "Davvero?"

M. "Si. Ed è finita perchè lei mi lasciò"

Poi mi chiese se mi piaceva il cinema. Risposi di si. Mi chiese se mi piace il cinema brasiliano. Si, tipo Cidade de Deus. Esattamente! Ma dai. Devi vedere Tropa de Elite. Sarà fatto, come si scrive?

Tornato alla base, cliccai sul mulo ribelle e misi in coda il titolo.

Ora che l'ho visto mi sento molto cambiato. Capisco molte cose su ciò che una situazione può creare in una persona. Un capolavoro. Un'auto riflessione potente.

AaHaB

2 commenti:

hobu ghergai ha detto...

questo è un commento non valido, perché l'ho postato in seguito al tuo rimprovero, su msn, di non commentarti mai. io però su msn ti ho chiesto perché mai ti sei recato all'hard rock café, e non mi hai risposto.
se sei un uomo recati al café absurd e affrontami alla luce della bell'alba dell'agrume azzurro.

Prisma "TBFKA MusEum" ha detto...

Figo questo post!
E Tropa De Elite è piaciuto moltissimo anche a me. Davvero ben scritto.

Archivio blog