"…por eso he soñado con una obra que no se encajase en ninguna categoria, que en lugar de pertenecer a un género, los contuviese todos; una obra dificil de definir y que habría de definirse justamente por esa carencia de definición; una obra de la tierra en el cielo y del cielo en la tierra; una obra que fuese el punto de reunion de todos los vocablos diseminados en el espacio cuya soledad y desconcierto no podemos ni imaginar; el lugar, más allá del lugar, de una obsesión por Dios, deseo no colmado de un insensato deseo; un libro, por último, que sólo se entregase por fragmentos, cada uno de los cuales fuese el inicio de un libro."

Tratto da El libro de las preguntas – volumen II di Edmond Jabès, ediciones Siruela, El antelibro III, pagina 261. Trovai questo libro in casa di Didac e lo aprii a caso.

Gli ultimi commenti ...

domenica, ottobre 19

BA(C)K TO BCN



Ancora ...
Di nuovo ...
Un'altro loop ... o sempre lo stesso.
Ambientarsi in un posto nuovo è sempre entusiasmante, ti carica di curiosità e voglia di fare.
Ma se torni in un posto dove sei già stato? Cosa succede? Dov'è l'entusiasmo e la voglia di scoprire cose nuove?
Per chi non mi conosce racconterò parte della mia storia...

Estate 2004: Lavoravo in spiaggia, bagnino. Un'estate folle, strana. L'impatto con la natura e la brutalità del mare mi sconvolge, non è la stessa cosa andare al mare quando è bel tempo e invece stare lì per forza e per dovere 10 ore al giorno per 4-5 mesi di fila. A maggio si fatica, si prepara la spiaggia; a settembre si aspetta con impazienza la fine. Posso annoverare nel palmares 3 spiaggie distinte ... distintissime. Ogni giorno conosci gente nuova, ogni sera fai come minimo l'una di notte. 5 ore di sonno e via di slancio ...
Arriva l'autunno, e io indeciso se andarmene ad Amsterdam o a Barcellona (droghe o sole?) opto per la seconda ... ma siiiii. Tanto non conosco nessuno neanche lì. Avevo tanta voglia di starmene solo, per i cavoli miei. Volevo una stanza tutta mia e niente di più.
Ottobre 2004: FCO-BCN. Il resto lo trovate qui: Vecchio Blog - Barcelona Story
Maggio 2005: Barcellona-Roma (l'autostrada va ...) Non chiedetemi perchè, fa male al cuore. Posso contare ancora sulle spiagge romane e su un brevetto valido con la foto di un pazzo. Da maggio ad agosto lavoro in due spiagge totalmente opposte ma contigue. Non arrivo a settembre, il mare mi trascina in un esperienza forte e difficile da digerire che non dimenticherò mai. L'autunno si appresta.
Settembre: Lavoro come rappresentante di ferramenta. Il traffico e le distanze mi uccidono, mi fanno invecchiare.. , poi troverò lavoro come cameraman ma gli scarsi introiti mi riporteranno al mare da maggio a luglio.
2-8-2006: FCO-BCN. Ci riprovo, non sono solo. La prospettiva è totalmente diversa, si sdoppia. Tutto è più organizzato e cerca una sua logica. È la falsa copia della vita di qualcun'altro, che sono sempre io ma che non si riconosce affatto. Tanto lavoro, pochissimo riposo. Un grande dolore mi lascia per terra ... questo blog ne sa qualcosa.
Marzo 2008: BCN-FCO. Il ritorno a Roma è sciapo, senza sapore. Una brillante idea mi torna alla mente e torno a lavorare in spiaggia, la stessa che mi lanciò nell'iperspazio dei miei pensieri più profondi.
15-10-2008: FCO-BCN.

Ancora ...
Di nuovo ...
Un'altro loop ... o sempre lo stesso.

3 commenti:

Prisma "TBFKA MusEum" ha detto...

Caro Bak, mi riconosco molto in questo tuo post, anche se non mi sono mai spostata da Roma per più di due settimane...
Le tue riflessioni sul lavoro, sul non riconoscersi, sui lavori di ripiego che diventano luoghi di riflessione, sul loop in cui rimaniamo prigionieri...
Ho la sensazione anch'io di ricominciare ogni volta da capo... E comincio ad accusare i colpi, sarà che sto invecchiando ;D

Sto cercando di uscire dal loop, ma è davvero dura, fisicamente e psicologicamente, e la pazienza e le energie stanno per esaurirsi...
Insieme a loro se ne vanno a spasso anche la spensieratezza e la speranza.

Il banale dubbio che ogni tanto mi assale è: ma non è che alla fine della fiera scopriamo che 'sti cazzi di loop sono la vera vita?

Un abbraccio sincero e sono contenta che tu sia tornato a scrivere.

fabio r. ha detto...

ma...farti iscrivere in una anagrafe direttamente in aereoporto?...
ciao Apolide

Anonimo ha detto...

grazie per la vaga citazione come presenza nella tua vita...
anche se come al solito sono l'ombra dell'uomo nero e non la donna che ti ama!
S.

Archivio blog