"…por eso he soñado con una obra que no se encajase en ninguna categoria, que en lugar de pertenecer a un género, los contuviese todos; una obra dificil de definir y que habría de definirse justamente por esa carencia de definición; una obra de la tierra en el cielo y del cielo en la tierra; una obra que fuese el punto de reunion de todos los vocablos diseminados en el espacio cuya soledad y desconcierto no podemos ni imaginar; el lugar, más allá del lugar, de una obsesión por Dios, deseo no colmado de un insensato deseo; un libro, por último, que sólo se entregase por fragmentos, cada uno de los cuales fuese el inicio de un libro."

Tratto da El libro de las preguntas – volumen II di Edmond Jabès, ediciones Siruela, El antelibro III, pagina 261. Trovai questo libro in casa di Didac e lo aprii a caso.

Gli ultimi commenti ...

sabato, marzo 3

Tony Montana


Nel frattempo (o nel fraspazio) l'essere piano è stato rinchiuso dalle autorità nella biblioteca nazionale, in attesa che si risolva il contenzioso tra il museo d'arte contemporanea equello di scienze naturali. Tutti adducono la scusa che il loro campo di studi ha la priorità o semplicemente perchè è il più affine all'analisi di questo fenomeno.
E' notte ... c'è silenzio tra le fredde e umide pagine di quella prigione di carta. Per addormentarsi con meno mostri nella testa l'unica soluzione è leggere qualcosa:

Section 1. Of the Nature of Flatland

I call our world Flatland, not because we call it so, but to make its nature clearer to you, my happy readers,
who are privileged to live in Space.
Imagine a vast sheet of paper on which straight Lines, Triangles, Squares, Pentagons, Hexagons, and other
figures, instead of remaining fixed in their places, move freely about, on or in the surface, but without the
power of rising above or sinking below it, very much like shadows −− only hard and with luminous edges −−
and you will then have a pretty correct notion of my country and countrymen. Alas, a few years ago, I should
have said "my universe": but now my mind has been opened to higher views of things.

Scritto da un certo Edwin A. Abbot ...
Una sirena ...
Un allarme ...
Luci intermittenti ...
Voci di guardie che gridano "Tony Montana! Tony Montana!"
Che significa? Chi è Tony Montana?
La pagina su cui stava leggendo si increspa e si annerisce.
Via libera per una fuga fra le fiamme.

O<-<

2 commenti:

Casa Russia ha detto...

1: non è mai troppo tardi per fuggire!
2: ma devi per forza scrivere in inglese?

bak ha detto...

Scusa, è che ho citato un testo che esiste davvero ... e poi ce l'ho solo in inglese.

Archivio blog