"…por eso he soñado con una obra que no se encajase en ninguna categoria, que en lugar de pertenecer a un género, los contuviese todos; una obra dificil de definir y que habría de definirse justamente por esa carencia de definición; una obra de la tierra en el cielo y del cielo en la tierra; una obra que fuese el punto de reunion de todos los vocablos diseminados en el espacio cuya soledad y desconcierto no podemos ni imaginar; el lugar, más allá del lugar, de una obsesión por Dios, deseo no colmado de un insensato deseo; un libro, por último, que sólo se entregase por fragmentos, cada uno de los cuales fuese el inicio de un libro."

Tratto da El libro de las preguntas – volumen II di Edmond Jabès, ediciones Siruela, El antelibro III, pagina 261. Trovai questo libro in casa di Didac e lo aprii a caso.

Gli ultimi commenti ...

lunedì, gennaio 8

Telefono Fisso


Uno deve combattere,
se ti racconto le mie paranoie ti metti paura ... e non so quando andrò via.
Vorrei sapere dove vivo quando avrò tempo, mi nego alle conversazioni forse perchè è giornata di saldi e mi sono già comprato qualcosa.
Non sono in grado, come nessuno, di condividere appieno me stesso e i miei difetti e un plin annuncia qualcuno connesso con messenger ... ma non è il mio pc e lascio correre.
Mi nego alle conversazioni e Marla ne soffre, non capisce la mia solitudine ... o forse vorrebbe solo eliminarla. Non bussa alla mia porta e scopro nel buio che mi scruta e giudica. Non è giusto.
Se avessi voluto fare display di me starei in una gabbia dello zoo e farei pagare il biglietto.
Con Beluga parliamo di specchi e proiezioni e Marla non può essere di più ... Nemmeno so come mi appella con gli altri. Nemmeno so farlo io.
'BZZZZZZZZZZZZZ!'
'Si?'
'...'
'Quien es?'
'Yo'
'... ? ...'
BZZZZZZZZZZZZZ! Aperto.
Come vi chiamano gli altri? Quanti nomi diversi avete nelle rubriche sim dei vostri conoscenti?
Alessandro BCN? Bak? Haikel? Giorgio Q? M B? SDFVSFVvHYJRtrgnTYJERYWR?
Investigatelo, potrebbe dirvi molte cose su di voi?
Oltre a essere pupazzetti potremmo essere tutti ridotti ad un username e una password ... cose che rimuovo facilmente dalla memoria. Memoria sporca. Testine sporche su nastro vecchio, poi c'è il rischio che il mangianastri faccia fino in fondo il suo dovere.
E' tutto riprodotto: la pagina che si carica e si blocca, il nastro riavvolto a caso a mezza canzone, un libro con l'orecchietta (in alto per segnare il punto, in basso per notare un punto ... da ritrovare). Io temo sia finito il gas ... il propellente motore.
Sono scarico, senza midollo e trascino le poche dita su tanti e troppi tasti per lasciare un post incompleto ...
O-<-

1 commento:

grex ha detto...

Bak fratello mio tu non sei un pupazzetto!!!

Archivio blog